10.62% Raised
€3,185.00 donated of €30,000.00 goal
1 Donors

La mescolanza di etnie è visibile nel cortile dell’ambulatorio della Missione dove molti pazienti restano in attesa per ore per ricevere attenzione e medicine da personale non qualificato o da medici visitatori occasionali.
L’ospedale di Gambo dei Padri della Consolata è speranza per i casi più urgenti che si presentano all’ambulatorio di Shashamane.

Gravi problemi dentali, tifo, tetano, rabbia, parassitosi, tracoma che rende ciechi, ecc. sono accettati dalla popolazione come da noi si accettano le influenze invernali.
Alcune scuole o corsi vocazionali e professionali per paramedici e corsi di riqualificazione per guaritori tradizionali potrebbero dare una opportunità di lavoro e condizioni di vita migliori per tutti.

Trasportare un malato o una partoriente dai villaggi diventa un’impresa per mancanza di strade e veicoli fuoristrada.
Un automezzo attrezzato potrebbe essere usato come presidio sanitario ambulante ma il suo costo si aggira sui 30.000€  più costi di dogana. Sarebbe più utile trovare qualcosa in loco.

Dottori e dentisti italiani potrebbero passare parte delle loro “ferie” in Missione, pagandosi naturalmente il viaggio così come da anni fa il dott. Giuseppe Gatta e i dentisti che collaborano con noi. 

Relazione dall’ambulatorio odontoiatrico della Missione

Shashemane, 10/03/2016
N.2 riuniti e altri strumenti portati in ambulatorio sin dal 2010
N.2 sedia e riunito, uno di marca sconosciuta a comandi elettrici, l’altro appena arrivato e perfettamente funzionante
N.1 compressore in discreto stato
N.1 aspiratore chirurgico
Numero sufficiente di strumentario per chirurgia e conservativa
N.1 sterilizzatrice a secco
N.1 lampada fotopolimerizzatrice
N.1 vibratore per amalgama
N.1 generatore, nuovo ma insufficiente

Per saperne di più, la sezione notiziario riporta molte testimonianze dei nostri volontari medici in Missione, come quello di Marisa, ginecologa volontaria, a marzo 2013 a Shashamane.