News News News

Nuovi spazi e servizi per la scuola di Tikur Wuha

Le costruzioni in cika hanno una vita massima di 10 anni.
Le classi sono particolarmente numerose, soprattutto nei primi anni (grado 1-4).
La dispersione scolastica porta, negli anni successivi, all’abbandono di un grande numero di studenti, che sono avviati precocemente al lavoro. L’abbandono scolastico è dovuto anche alla scarsa qualità dell’insegnamento.
Il rapporto studenti/personale della scuola è molto alto (1:40): vi lavorano infatti 22 insegnanti pagati dal governo, 2 insegnanti pagati dalla scuola (con i soldi raccolti dalla retta annuale che le famiglie versano) e 2 guardie/bidelli.

Il costo di tutto il materiale scolastico e le attrezzature è a carico della famiglia .
Considerata la situazione economica in cui versano le famiglie della zona, solo alcuni bambini occupano i pochi banchi a disposizione, mentre gli altri sono costretti a seguire le lezioni seduti sulla nuda terra (il pavimento non esiste).
Qualcuno di loro per scrivere si appoggia a un sasso levigato precedentemente.
La scuola richiede urgentemente un minimo di 200 banchi (un banco accoglie anche 3 bambini).

Si necessita inoltre di un minimo di attrezzatura per l’insegnamento:
• lavagne
• tavoli per gli insegnanti
• sedie
• scaffali
• libri e materiale di consumo

A questo appello ne aggiungiamo un altro impellente: costruire nuovi edifici scolastici affinché i bambini non si ritrovino, in un tempo non lontano, a seguire le lezioni sotto ai pochi alberi nel cortile.
Inoltre le nuove aule potrebbero essere utilizzate per l’educazione e formazione professionale adulta, alfabetizzazione, corsi informativi igienico-sanitari (campagne HIV, tracoma e altre malattie fortemente debilitanti), promozione di genere (Centro Promozione Donna) portando un vero cambiamento tra gli svantaggiati di Tikur Wuha.
Abbiamo quindi quantificato anche l’eventuale costruzione di 10 nuove aule, toilette e altre strutture fortemente.

Aiutaci a garantire loro il diritto all’istruzione, diritto fondamentale, ma spesso negato. Basta anche un piccolo contributo.

Commenta